Per avvicinarsi a una lingua e acquisirne nel modo più naturale le basi, una delle attività che senza dubbio sono più utili è quella di farne rientrare l’apprendimento nelle proprie attività quotidiane: grazie alla musica, ad esempio, si possono introdurre canzoncine e filastrocche in inglese che potranno stimolare nei più piccoli curiosità, arricchendone il vocabolario.
Proporre ai bambini la lingua inglese utilizzando occasioni prese dalla vita di tutti i giorni può aiutarli a familiarizzare ancora di più con l’idioma.
In questo senso, prendere spunto da momenti particolari dell’anno, ricorrenze e feste tradizionali vissute con gioia dai bambini, è una buona opportunità per aiutarli a imparare termini nuovi, affinare la pronuncia, cogliere le sfumature, nonché prendere sempre più consapevolezza di una seconda lingua.

Utili tutti quei materiali che richiamano le tradizioni popolari o comuni tra bambini e che si avvicinano a un linguaggio preso dalla dimensione quotidiana e domestica. Si pensi per esempio alla memorizzazione di filastrocche o alle counting games.
Tra queste ricordiamo una di quelle più conosciute per insegnare i numeri ai più piccoli: “One potato, two potatoes, three potatoes, four! Five potatoes, six potatoes, seven potatoes, more!”, così come la filastrocca “One, two, bukle my shoe. Three, four, knock at the door. Five, six, pick up sticks. Seven, eight, don’t be late. Nine, ten, start again”).

E così, ecco la possibilità, durante il periodo natalizio, di integrare l’apprendimento proponendo filastrocche, poesie e canzoncine di Natale in inglese, tutte utili per aiutare ad allenare l’orecchio a una seconda lingua. Un aiuto per la memoria, che grazie alla musicalità, al ritmo, all’intonazione e alla mimica con cui esse vengono recitate, permette di far recepire sempre meglio, in modo divertente, una lingua. Rime, assonanze e ripetizioni stimolano infatti molto la memoria.
Da tenere comunque sempre in considerazione che se i materiali vengono proposti ai bambini in modo semplice e divertente – ad esempio canzoncine in inglese da cantare insieme o l’impiego di una poesia per completare un biglietto di auguri – l’apprendimento sarà più naturale ed efficace.

Ecco quindi qui di seguito la proposta di semplici versi, utili per imparare nuovi termini e abilità, che potranno essere recitati o anche musicati assieme ai bambini per farli diventare delle piacevoli canzoncine di Natale.

Santa

Santa comes on Christmas Eve
Seeking those who yet believe
Through a frosty winter night
In a sleigh with reindeer flight
Bringing joy to large and small
Merry Christmas one and all.

A Christmas Tree
One little star on the top of the tree,
Two little presents underneath for me,
Three silver ropes twisted around the tree,
Four colored lights shining prettily,
Five shining balls flowing silvery.
Oh, what a sight for us to see!

 

Qui invece, per i più grandicelli, la proposta di un simpatico modo per apprendere l’alfabeto inglese utilizzando la ricorrenza del Natale.

Christmas ABC’s

A is for Animals who shared the stable.
B for the Babe with their manger for cradle.
C for the Carols so blithe and so gay.
D for December, the twenty-fifth day.
E for the Evening when we’re all so excited.
F for the Fun when the tree’s at last lighted.
G is the Goose which you all know is fat.
H is the Holly you stick in your hat.
I for the Ivy that clings to the wall.
J is for Jesus, the cause of it all.
K for the Kindness begot by this feast.
L is the light shining way in the east.
M for the Mistletoe, all green and white.
N for the Nowells we sing Christmas night.
O for the Oxen, the first to adore Him.
P for the Presents Wise Men laid before Him.
Q for the Quiet this peaceful night brings us.
R for the Reindeer leaping the roofs.
S for the Stockings that Santa Claus stuffs.
T for the Toys, the Tinsel, the Tree.
U is for Us-the whole family.
V is for visitors bringing us cheer.
W is Welcome to the Happy New Year!
X, Y, Z bother me!
All I can say,
Is this is the end of my Christmas play.
So, now to you all, wherever you be,
A merry, merry Christmas,
and many more may you see!